domenica 4 maggio 2008

Tramonto de Maggio


strano sto cielo de maggio
lo guardo de sbieco
in mezzo a li palazzi
dar terazzo de casa

lo guardo e lui me fissa
da dietro n'antenna
fermando er tempo
che finalmente se rilassa

intanto
come invasate
le rondini guizzano impazzite
a caccia de insetti pè la cena

mentre er sole
accorcia l'ombra
de la coda de'n piccione
che s'atteggia da pavone

pè concquistà nà femmina
che je gira intorno
che fà vede e nun concede
come tutti l'esemplari de la specie

allora
abbasso l'occhi dar cielo
là in piazzetta
in mezzo alla folla

da sola na panchina
cò sopra un maschietto
e la ragazzina
se stringono e se baciano

ce stanno solo loro ar monno
e meno male
stà speranza
proiettata sur muretto

dar tramonto ambrato
perchè quanno riarzo lo sguardo
er cielo sè scurito
e zitto zitto
ha preso e se nè annato

6 commenti:

Bruja ha detto...

...mhhh..luce dorata...coppiette sulle panchine....una vena di romanticismo?...
Buona settimana...:-)

daniela ha detto...

Bella questa novità dialettale.
Devo dire che ti riesce veramente bene, e poi il titolo è meraviglioso. "TRAMONTO DE MAGGIO"; mi ricorda Battiato, anche se quella canzone è in siciliano, non in romano.

Angie ha detto...

E' un vero piacere ritrovarti...
:-D

Kniendich ha detto...

Gran cosa il cielo di Maggio... solo che alla fine... si scurisce.. un pizzico di malinconia non ti lascia mai..

Un abbraccio e buon fine settimana.. Dani carissimo.

Anathea ha detto...

Uno stile che non sapevo di appartenesse, ma sei del tutto a tuo agio nella nuova veste linguistica, si vede.

Un abbraccio
A.

suomii ha detto...

Bella in forma dialettale. Suomii