domenica 26 agosto 2007

Er Terremoto


Ho chiamato li pompieri
stamattina no,non per le crepe
uscite lì in cucina
nè pe sto muro sgarupato
l'ho chiamati...
pè stò core mio
un core lesionato...
hanno fatto l'ispezione
sù dal tetto
fino giù in cantina...
e se sò stupiti
de trovallo ancora sano
cò tutte ste intemperie
pensavano de trovà
solo un mucchio de macerie
e dire che
ce ne sò stati de marasmi
dè sciagure varie
persino un'uragano...
ma lui resiste fiero
come un vecchio monumento
come er Colosseo
come un simulacro dell'amore
quello sacro
e quello un pò profano...
Er capitano poi
m'ha preso da nà parte
e m'ha detto
de stacce un pò più attento
cò stò core antico
che nun sà se lo regge
er prossimo tormento...
Allora io me sò tranquillizzato
perchè m'è passato accanto
e m'ha sfiorato
n'artro terremoto
ma stavorta
consapevole
appena in tempo...
l'ho scansato.

5 commenti:

Elle ha detto...

stacci attento mi raccomando! :) beh le poesie in romanesco (si dice così?) mi ricordano Trilussa che adoro! ciao

Dani ha detto...

ciao louise...io ce stò attento...sò le femmine che sò sciagurate e un pò sbadate....
ciao e alla proxima

Regina Madry ha detto...

Bella! ma l'hai scritta tu? certo che la poesia in vernacolo è tutta un'altra cosa, sembra di toccarlo con mano, quel cuore! alla prossima

Bruja ha detto...

complimeti...le poesie dialettali mi sono sempre piaciute...ah...ste donne...sempre guai fanno...:-)

Kniendich ha detto...

Il dialetto va interpretato, sai fare anche questo, non posso che farti i miei complimenti